Cascara negroni

Quando Andrea mi ha scritto dicendomi che mi avrebbe mandato un “regalo” non sapevo bene cosa aspettarmi. Mi aveva parlato di cascara.
Cascara, per chi non sa di cosa stiamo parlando, è la buccia esterna del frutto del caffè, della ciliegia. Questa viene fatte essiccare e si può utilizzare per preparare un infuso, simile ad un tè oppure in modi diversi come vedremo.

Spesso all’estero mi è capitato di provare drink estivi a base di cascara, accompagnati a note di ciliegia e agrumate come limone o pompelmo. Il sapore della cascara ricorda infatti da vicino quello dolce della ciliegia e del maraschino.

Volevo preparare un drink che esaltasse le note dolci ma anche botaniche ed infatti ho pensato ad una rivisitazione di uno dei miei drink preferiti: il negroni.
preciso che non ho usato il vermouth rosso ma sono partita da una base di vermouth bianco in cui ho messo per dieci giorni in infusione, al buio, 10gr di cascara su un totale di 100ml di vermouth.

Questo drink è facilissimo da preparare, non richiede ingredienti troppo complicati ed è perfetto per le prossime festività. Inoltre è anche adatto come elemento di food pairing, provatelo con carni arrosto, formaggi stagionati e cacciagione. Un azzardo? Forse, ma se non provate come fate a dirlo.

Ingredienti:
30ml bitter rosso Campari
30ml Vermouth Berto infuso cascara
30ml Grace Gin
2 gocce Ratafia cherry
1 foglia di alloro, 1 rametto rosmarino

Miscelare tutti gli ingredienti in un mixing glass con ghiaccio. Con l’aiuto di uno strainer versare all’interno di una flute o una coppetta raffreddata in precedenza. Servire con una foglia di alloro e un rametto di rosmarino.

Perchè ho scelto il Grace Gin, che vedete negli ingredienti: innanzitutto che origine ha. Sorprendentemente è un distillato prodotto in Grecia ed è anche frutto del lavoro di tre donne. Un prodotto che unisce la terra ed il mare greco, si base su otto botaniche: bacche di ginepro, radici di angelica, bucce di arancia e di limone, cardamomo, coriandolo, giglio ed infine corteccia di cassia.
A queste botaniche di base si aggiungono schinos, foglie di mirto, e fiori di arancio dell’isola di Evia (Eubea in italiano), critamo di Creta e pepe rosa.

La cascara che invece ha scelto Andrea è un Panama natural.

Le tre gocce di liquore alla ciliegia rendono perfetto il mix tra il profumo mediterraneo del gin, la dolcezza e acidità della cascara infusa nel vermouth e la corposità data dal bitter Campari.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s